Quante volte in Italia,

soprattutto durante e dopo la campagna elettorale, viene tirato in ballo il discorso dei brogli, ecc. ecc. .

Beh, in Brasile è stato usato Linux e il voto elettronico, per far votare solamente 128 milioni di persone!!

È possibile leggere l’intero articolo, pubblicato sul blog di Ossblog.it .

E da noi, quando potrà accadere una cosa così semplice e veloce?

L’articolo originale si trova su: Slashdot.org

Alle prossime,

Paolettopn

Su paolettopn

Anticonformista, sempre_quarantenne, nato sotto il segno dell'acquario, appassionato di informatica ed elettronica sin dalla tenera età, usa software linux, open-source e oggi si diverte e lavora con le telecomunicazioni l'elettronica e l'informatica. Il resto delle informazioni lo potete trovare sul wiki della Comunità italiana di Ubuntu-it. Ciao, a presto.

2 opinioni su “Usare Linux per il voto elettronico.

  1. Beh, se mai si avanza mai s troveranno i rimedi per ovviare a quanto dici.

    Basterebbe che chi ci governa mettesse in funzione la carta digitale di identità e credo che con un accurata programmazione e gestione dei dati si riuscirebbe in poco tempo a raggiungere lo scopo.
    Qui in Friuli Venezia Giulia, l’uso della Carta dei Servizi (dati sanitari e riduzione sul carburante, per ora…) sta dando ottimi risultati con le USL e anche con l’utente, che può finalmente accedere ai suoi dati informatici in modo semplice e sicuro.

  2. Spero mai; purtroppo, il voto digitale è più facilmente corruttibile di quello analogico, perciò se ora c’è il sospetto di brogli con il digitale se ne avrebbe la certezza…

Grazie per aver visitato questo blog, lasciate un vostro commento a questo post...