Avendo da poco ricominciato a fotografare e a lavorare sui file fotografici in formato RAW, mi sono domandato quanto e se i profili colore dei monitor che utilizzo su diversi PC con linux, siano correttamente calibrati.

Cercando in rete il software da utilizzare sul S.O. linux, mi sono imbattuto prima nel sito di Argyll CMS e successivamente nel sito di DisplayCAL
Non desiderando utilizzare l’App Android a pagamento “ArgylPRO ColorMeter v. 1.3” sul mio smartphone come colorimetro (come descritto nel sito di Argyll), ho preferito installare il secondo software, ovvero DisplayCAL.

Questo software è installabile per sistemi multi piattaforma, quindi è disponibile sia per Linux, che per Mac e Windows.

 

Installazione del software su linux Ubuntu 16.04 LTS a 64 bit

Per ottenere il pacchetto corretto per il mio S.O. ho scelto di scaricare il pacchetto già in formato DEB, creato appositamente per Ubuntu 16.04 LTS a 64 bit.
Una volta installato il pacchetto precedentemente scaricato sul mio PC, con l’applicazione linux Gdebi, al primo avvio del programma DisplayCAL potrà accadere che vi verrà chiesto di effettuare automaticamente l’aggiornamento alla versione più recente. 
Completato l’aggiornamento e riavviato il programma, avrete ora a disposizione la versione 3.5.0.

 

Dispositivi hardware di lettura colore

Questo programma utilizza e riconosce diversi colorimetri e spettrometri commerciali, tra i quali trovate: 

Colorimetri

  • CalMAN X2 (treated as i1 Display 2)
  • Datacolor/ColorVision Spyder 2
  • Datacolor Spyder 3 (con installato ArgyllCMS 1.1.0)
  • Datacolor Spyder 4 (con installato ArgyllCMS 1.3.6)
  • Datacolor Spyder 5 (con installato ArgyllCMS 1.7.0)
  • Hughski ColorHug (supporto Linux con installato ArgyllCMS 1.3.6, supporto Windows con il nuovo firmware ColorHug con installato ArgyllCMS 1.5.0, funzionamento e supporto completo con Mac OS X support con installato ArgyllCMS 1.6.2)
  • Hughski ColorHug2 (con installato ArgyllCMS 1.7.0)
  • Image Engineering EX1 (con installato ArgyllCMS 1.8.0)
  • Klein K10-A (con installato ArgyllCMS 1.7.0. il K-1, il K-8 e il K-10 risultano funzionare)
  • Lacie Blue Eye (solo con i1 Display 2)
  • Sencore ColorPro III, IV & V (solo con i1 Display 1)
  • Sequel Imaging MonacoOPTIX/Chroma 4 (solo con i1 Display 1)
  • X-Rite Chroma 5 (solo con i1 Display 1)
  • X-Rite ColorMunki Create (solo con i1 Display 2)
  • X-Rite ColorMunki Smile (con installato ArgyllCMS 1.5.0)
  • X-Rite DTP92
  • X-Rite DTP94
  • X-Rite/GretagMacbeth/Pantone Huey
  • X-Rite/GretagMacbeth i1 Display 1
  • X-Rite/GretagMacbeth i1 Display 2/LT (la versione HP DreamColor/Advanced Profiling Solution degli strumenti risulta funzionare)
  • X-Rite i1 Display Pro, ColorMunki Display (con installato ArgyllCMS 1.3.4).
    La versione HP DreamColor, NEC SpectraSensor Pro e la versione SpectraCal C6 degli strumenti risulta funzionare egregiamente.

 

Spettrometri

  • JETI specbos 1211/1201 (con installato ArgyllCMS 1.6.0)
  • JETI spectraval 1511/1501 (con installato ArgyllCMS 1.9.0)
  • X-Rite ColorMunki Design/Photo (con installato ArgyllCMS 1.1.0)
  • X-Rite/GretagMacbeth i1 Monitor (con installato ArgyllCMS 1.0.3)
  • X-Rite/GretagMacbeth i1 Pro (la versione EFI ES-1000 degli strumenti risulta funzionare)
  • X-Rite i1 Pro 2 (con installato ArgyllCMS 1.5.0)
  • X-Rite/GretagMacbeth Spectrolino

Sul loro sito è presente una guida all’installazione e all’uso del programma, comprensiva dei passi da eseguire per effettuare la calibrazione e la creazione dei nuovi profili colore desiderati.

 

Calibrazione

Ho effettuato facilmente la calibrazione dei miei tre PC,che utilizzo spesso per lavorare i miei scatti fotografici:

  • un PC portatile Lenovo T61
  • un PC portatile ACER W122
  • un PC fisso Dell Optiplex 745, con  schermo LED

Il calibratore X-Rite  i1 Display Pro è stato riconosciuto immediatamente su tutti i PC e le rispettive calibrazioni sono andate a buon fine (durata media 20 min.), creando il file ICC definitivo da utilizzare come profilo di default per i miei lavori fotografici.

Buon lavoro.

 

Lasciate un vostro commento a questo post