Nei precedenti articoli ho descritto i caricabatterie delle radio Tytera MD-380 e Radioddity GD-77; in questo articolo descriverò alcune informazioni riguardanti il carica batteria (rapid charger) QBC-45AL e la batteria QB-48HL, che uso abitualmente. 

È importante sapere che in base al modo in cui utilizzate abitualmente la batteria dell’apparato, questo determinerà come la stessa si ricaricherà senza perdere la sua capacità di carica.
In questo articolo ci sono diversi suggerimenti per assicurarvi di ottenere il massimo dei cicli di carica-scarica delle vostre batterie.

 

 

La carica e scarica delle batterie Li-Ion

Gli apparati 868/878 utilizzano due batterie agli ioni di litio, di diversa capacità:

  • la batteria standard QB-44L con tensione nominale di 7,4 V, capacità nominale di 2100 mAh e energia nominale di 15,5 Wh
  • e la batteria QB-44HL con tensione nominale di 7,4 V, capacità nominale di 3100 mAh e energia nominale di 22,94 Wh

Mantenere le batterie fredde. Tenerle di scorta, caricarle o utilizzarle con temperature superiori ai 30°C / 86°F determinerà il rapido deterioramento delle batterie agli ioni di litio.
Comunque NON conservatele o usatele al freddo, al limite del congelamento.
Le batterie agli ioni di litio non non gradiscono di essere mantenute al massimo della loro carica, e nemmeno di essere mantenute vicino alla soglia antecedente al raggiungimento della loro massima carica.
Se non utilizzate le vostre batterie per un certo tempo, fate in modo che si trovino scariche per la metà della loro carica (utilizzando il display batteria presente sulla radio 868/878 che vi indicherà lo stato della carica attuale, compreso tra le due e tre tacche), per poi scollegare la batteria dalla radio e riporla in un luogo fresco e asciutto.
Evitate la frequente scarica completa della batteria. Era un’abitudine tecnica seguita quando si utilizzavano le batterie NiCd o NiMH, che si tenevano scariche quasi fino alla fine, per abitudine. Le batterie agli ioni di litio è preferibile non scaricarle completamente, ed è meglio effettuare piccoli cicli di carica con una leggera scarica prima di ricaricarle ancora completamente.

ATTENZIONE: Quando l’indicatore della batteria della radio vi indicherà l’icona della batteria rossa lampeggiante con un ingranaggio e un fulmine, spegnete immediatamente la radio e sostituite la batteria.

Per spremere al massimo i cicli di carica e scarica della batteria agli ioni di litio del 868/878, sarebbe meglio caricarla solamente al 75% della sua capacità, oppure fino ad arrivare ad una tensione di 8.0 Volt (il caricatore della radio AnyTone ferma automaticamente la carica al raggiungimento degli 8.4 Volt, o al raggiungimento del 100% della capacità) e poi permettere la scarica della batteria fino al 25% della sua capacità, corrispondente ad una tensione di 7.3 Volt.

Non permettere alla batteria di raggiungere la carica completa o la scarica completa ovviamente non permette di utilizzare completamente la batteria per la sua reale capacità, ma questa operazione non andrà a stressare la batteria raddoppiando il numero delle volte o dei cicli di uso e poi di ricarica della batteria. Con un uso normale, una batteria agli ioni di litio può essere ricaricata 600 – 800 volte utilizzando la piena capacità della batteria; ma limitando la sua ricarica al 75% del suo massimo, e scaricandola non al di sotto del 25%, la vostra batteria potrà essere ricaricata almeno 1500 volte o più.
Il grande svantaggio è che questa tecnica richiede di gestire accuratamente la propria batteria, e il disagio di doverlo fare continuamente resta alto.

 

 

Il carica batterie QBC-45AL

Non ho apportato nessuna modifica circuitale su questo carica batterie, in quanto la tensione originale misurata sia a vuoto (8.33 V.) che ai capi della batteria carica (8.31 V.), è rimasta sempre sotto al valore di guardia degli 8.4 Volt.

Il cuore di questo carica batterie è l’apposito circuito integrato CHK0501 (lithium ion charger IC); marcato dal produttore con il codice 5175.

Di seguito, effettuate delle misurazioni con un multimetro ai capi della vostra batteria durante la carica, per avere la conferma che la tensione di uscita misurata sia dagli 8.3 Volt ai 8.4 Volt (potrebbe anche pulsare su e giù con i valori – questa è la caratteristica della carica lenta del caricatore, ed è una cosa normale) e controllate la corretta polarità dei contatti. Se tutto rientra nei limiti, siete apposto!

Per ogni eventuale modifica al carica batterie (sostituendo il regolatore con un modulo TP 5100, che può essere trovato su eBay a poco prezzo), consultare il documento presente nella oramai famosa pagina delle modifiche: http://members.optuszoo.com.au/jason.reilly1/868mods.htm

Buone prove e buona sperimentazione!

Paolo IV3BVK (K1BVK)

 

 

Grazie per aver visitato questo blog, lasciate un vostro commento a questo post...