Seguendo i lavori dei miei amici Radioamatori iscritti nel canale Telegram Packet Radio, in questi ultimi giorni si discuteva di questa installazione per la gestione delle radio in packet, tramite i propri nodi BPQ. Per aiutare alcuni di loro, ho deciso di riproporre un interessante articolo anche sul mio blog.

È mia abitudine non riscrivere un articolo di spiegazione / installazione quando ne trovo uno in rete che soddisfi completamente ciò che desidero spigare. Per questo motivo vi invito a seguire l’ottimo articolo del 14 novembre 2018, pubblicato da Niels PD9Q, sul sito Packet-radio.net .

L’articolo che trovate pubblicato è una combinazione di vari articoli e documentazione trovati su vari siti web, condensati in una semplice procedura dettagliata.
In questo articolo non è inclusa la configurazione della maggior parte delle impostazioni di BPQ, ma solo quanto basta per riuscire ad utilizzare Direwolf come modem.

Le versioni precedenti del S.O. Raspian (come Jessie), potrebbero richiedere la rimozione di Pulse Audio prima di installare Direwolf.
Raspian Stretch, per impostazione predefinita, non ha il servizio Pulse Audio installato.

Per la gestione del PTT delle radio, verrà effettuata con l’installazione del pacchetto libudev-dev .

L’esecuzione dei vari passi di programmazione descritti nell’articolo è abbastanza semplice da non richiedere ulteriori consigli di configurazione.

Per comodità, le mie impostazioni di configurazione Raspian hanno i servizi SSH e VNC abilitati, così da permettere l’accesso e la programmazione del RPi da remoto.

La guida utente del software Direwolf (ver. 1.6 ottobre 2020), è disponibile a questo link.

Vi auguro buona sperimentazione e divertimento con l’uso del software libero.

Paolo IV3BVK – K1BVK

Grazie per aver visitato questo blog, lasciate un vostro commento a questo post...