05Nov/06

Firefox 2.0: la realtà messa a nudo !

 
parzialmente prelevato da Internet: dade [05 Novembre 06 @ 06:00 am]
Internet
Firefox, uno dei pochi browser che realmente stà dando del filo da torcere a Internet Explorer, impone ad ogni aggiornamento delle migliorie magari non sempre in linea con le aspettative del singolo individuo, ma che puntano ad offrire ciò che altri non fanno garantendo così idee sempre nuove e al passo coi tempi. Il nuovo tema proposto da Firefox 2.0 rinnova l’aspetto esteriore del browser, magari può non piacere, ma definirlo incoerente tra le varie piattaforme forse è un po’ troppo; le finestre di dialogo con le quali venivano impostati i vari parametri al programma sembrano confuse e di difficile comprensione, ma in realtà sono state soltanto cambiate per dar maggior risalto a quelle utilizzate maggiormente. Per l’utenza affezionata al vecchio look è comunque disponibile Winestripe creato da Florian Schmitz, il quale ovvia al “problema” facendo apparire le schermate uguali alle versioni precedenti.Per quanto riguarda le innovazioni nel campo della sicurezza sono state implementate nuove tecnologie che permettono una maggior robustezza e versatilità, come il nuovo sistema anti-phishing. Personalmente a prima vista sembrava uno di quei tool molto blandi, inserito solamente per figurare come novità nell’elenco delle caratteristiche, ma dopo un accurata ed attenta analisi ho potuto constatare che non era così.
L’anti-phishing funziona con una lista di siti considerati pericolosi aggiornata ogni trenta minuti circa. Appena si tenta di aprire una pagina web in elenco, un messaggio chiaro e ben strutturato ci avvisa dei rischi ai quali stiamo andando incontro, fornendoci due possibilità: “Allontanarsi dal sito” oppure “Ignorare l’avviso”.
Può capitare che le estensioni non siano compatibili (argomento gia affrontato da pc-facile.com, N.d.r); la colpa non è sicuramente da attribuirsi al team di Mozilla, ma bensì agli sviluppatori dell’estensione stessa i quali non si sono dati da fare durante le varie versioni di test.

Alla pari di tutti i programmi informatici anche Firefox 2.0 non è immune da problemucci di vario genere, ricordiamo ad esempio un bug ancora presente e sprovvisto di patch. L’errore non è dannoso (clicca qui per provare), non permette l’esecuzione di codice malevolo, ma allo stesso tempo è molto fastidioso in quanto termina incondizionatamente l’esecuzione in corso del browser.
Altra pecca di Firefox 2.0 come tutti i predecessori è il “memory leak issue”, ovvero il consumo eccessivo di RAM. Tutti continuano ad accusare Mozilla di non aver ancora ovviato a questo problema, ma da un test effettuato dalla nostra redazione è risultato che l’utilizzo varia tra i 19Mb e i 23Mb incrementandosi di 1.4Mb con l’apertura di ogni scheda, il che non sembra affatto un utilizzo esagerato.

Ovviamente nulla è perfetto, tutto si deve migliorare, ma se più di due milioni di persone hanno scaricato la nuova versione in un solo giorno, vuol dire che la fiducia acquistata in anni di lavoro è immune a questi piccoli inconvenienti.

Notizia comparsa su : pcfacile.com

Al prossimo articolo, Paolettopn.

 
05Nov/06

Finalmente …. è uscita Edgy Eft !

Forward dal sito : zioBudda.net

Presentazione di Edgy Eft, la versione 6.10 di Ubuntu

di: Francesco Caccavella del: 02 Novembre 2006

Dopo aver presentato le ultime versioni delle distribuzioni Mandriva, Slackware e Fedora Core, oggi andiamo a verificare quali novità sono incluse nella nuova versioni di Ubuntu, la distribuzione che nell’ultimo anno ha appassionato sia gli utenti Linux più esigenti sia gli utenti alle prime armi. Lo scorso 26 ottobre è stata infatti rilasciata la versione 6.10, nome in codice Edgy Eft, di Ubuntu Linux, la distribuzione derivata da Debian creta dal miliardario sudafricano Mark Shuttleworth.Le novità di questa release, che va a sostituire la versione 6.06 uscita all’inizio di questa estate, si concentrano soprattutto sui ritocchi di usabilità, sulla limatura di alcune imperfezioni e sull’aggiunta di nuovo software. Per gli utenti italiani è stata prevista una maggiore accuratezza nelle traduzioni.

Ubuntu 6.10 offre una nuova interfaccia di avvio e leggeri ritocchi all’interfaccia di login. Sebbene al primo avvio non mostri decisi cambiamenti nell’interfaccia, dopo alcuni minuti d’uso ci si accorge che alcuni menu sono stati razionalizzati, alcuni programmi spostati o eliminati e alcune etichette di testo mutate e rese più corenti con il resto del sistema.

La nuova interfaccia è basata sull’ultima versione disponibile di Gnome, la 2.16, che offre una maggiore stabilità e sicurezza oltre ad una maggiore velocità di esecuzione dei programmi. Come sempre, gli appassionati di KDE potranno scaricare Kubuntu dal sito ufficiale della distribuzione, anch’essa aggiornata alla versione 6.10.

Molte novità nel comparto software. Molti sono i programmi resi disponibili all’ultima versione disponibile che fanno di Ubuntu 6.10 la distribuzione più aggiornata tra le grandi. All’ultima versione sono disponibili i due programmi della Mozilla Corporation: Firefox (versione 2.0) e Thunderbird (versione 1.5.0.7). Alla versione 2.0.4, ultima disponibile, è aggiornato OpenOffice, mentre Gaim, il messenger multipiattaforma open source, è disponibile nella versione beta 2.0.

Molte novità sul fronte dei software, soprattutto di quelli che fanno per la prima volta la comparsa in questa versione. Tomboy, ad esempio, è un editor testuale per piccoli appunti e note che consente una loro facile ricerca e archiviazione. F-Spot è il nuovo gestore di fotografie digitali che ne consente una facile organizzazione e manipolazione, oltre ad offrire capacità di upload in siti Web di foto sharing come Flickr.

La versione server di Ubuntu 6.10 offre anche una versione in pre-release del Linux Terminal Server Project 5 (LTSP-5), un sistema che permette di eseguire diverse copie di Linux conservando i dati su un unico server e tagliando così i costi di gestione, aggiornamento e installazione.

Chi avesse già installato una versione precedente di Ubuntu potrà aggiornare la vecchia distribuzione alla nuova semplicemente eseguendo, per mezzo della combinazione di tasti ALT+F2, il comando gksu update-manager -c e scegliendo nella finestra che compare l’aggiornamento alla nuova versione. Tutti gli altri potranno invece scaricare Ubuntu 6.10 a partire dai mirror del progetto.

Al prossimo articolo, Paolettopn.