Ciao,

da più di un anno desideravo scrivere un articolo che potesse essere d’aiuto tutti gli Oracle DBA (come me) che hanno la necessità di lavorare con Linux Ubuntu da remoto, su sistemi che utilizzano Oracle.

Nel mio caso, in azienda si usano postazioni client con sistema operativo MS, come W2000, ME, XP e W2000Server. In questo caso, pagando una bella licenza si decide di usare il programma Toad ed è bella che fatta. Questo programma ha un’interfaccia grafica molto user-friendly e permette di lavorare a più progetti su più finestre.

Ma… noi abbiamo un PC personale, con sistema operativo Linux Ubuntu 8.04 Hardy Heron e non desideriamo utilizzare Toad (anche perchè sarebbe troppo complicato farlo girare con l’emulatore Wine).

A questo punto, la scelta da fare va sue due software;

  • o il conosciuto e stra-usato MySQL Administrator;
  • oppure il buon TOra.

Io ho preferito quest’ultimo, liberamente scaricabile ed installabile utilizzando il gestore dei pacchetti Synaptic. Ma rimaneva un altro passo da fare… Lavorare direttamente con un supporto adatto ad Oracle.

Questo ultimo aiuto mi è stato dato dal post di Michele Marcucci, (www.michelem.org), che già nel 2007 descriveva come fare per ovviare al problema.

La soluzione la trovate in questi due post:

dove il buon Michele ha descritto in modo dettagliato tutte le procedure da seguire per arrivare all’agognato traguardo.

Grazie a Michele e al software libero ora si può lavorare in modo tranquillo ed efficace su Oracle, anche con sistemi open source (tra l’altro la P.A. dovrebbe già utilizzarli da un bel pezzo, ma si sa…).

Spero che siate riusciti a seguire quanto indicato qui e nelle pagine del sito indicato precedentemente, ma rimango comunque a disposizione per ulteriori consigli al riguardo.

Attenzione: Se lavorate presso grosse ditte, banche o che altro, controllate come sono stati impostati i firewall, router o che altro, in quanto potrebbe accadere che il sistema aziendale non permetta al vostro PC personale di connettersi ai sistemi interni. In questo caso, fatevi abilitare dal vostro amministratore di rete o di dominio.

Un saluto,

Paolettopn

Riguardo a: paolettopn

Anticonformista, sempre_quarantenne, nato sotto il segno dell’acquario, appassionato di informatica ed elettronica sin dalla tenera età, usa software linux, open-source e oggi si diverte e lavora con le telecomunicazioni l’elettronica e l’informatica.
Il resto delle informazioni lo potete trovare sul wiki della Comunità italiana di Ubuntu-it.
Ciao, a presto.

Lasciate un vostro commento a questo post