Archivi Tag: DMR

Da qualche giorno il Gruppo Radio Firenze ha messo a disposizione di tutti i Radioamatori questo nuovo server IPSC2, che ci permette tutta una serie di nuove prove e sperimentazioni.

Vi scrivo, qui di seguito, parte dell’argomento che leggerete sul loro sito.

 

 

Da cosa differisce questo nuovo server “DIG” da IPSC2-IT-MLINK, già operativo da tempo?

Il server DIG-ITALIA opera su una distribuzione diversa di Linux ed è considerato “stabile”.
Il server IT-MLINK verrà da ora gestito come server sperimentale per prove con configurazioni particolari, e per tale motivo è consigliato collegarsi sul nuovo server DIG-ITALIA per il classico utilizzo di QSO, soprattutto se in multi protocollo.

Nel seguente articolo del Gruppo Radio Firenze, con cui collaboro, troverete tutte le informazioni di dettaglio in merito.

 

 

Il server IPSC2-DIG-ITALIA della rete DMR+

 

07Set/22

Pi-Star – Gestire le connessioni a TG e protocolli con i comandi temporizzati

Continuando a sperimentare con i miei hotspot pi-star, realizzati su Raspberry Pi di varie versioni, nei giorni scorsi io e alcuni Radioamatori sperimentatori ci siamo chiesti se fosse possibile gestire le connessioni verso i vari TG e reti digitali tramite degli appositi comandi a tempo da inviare alla scheda MMDVM, utilizzando il sistema di crontab presente nel Raspberry Pi. 

01Set/22

Pi-Star – Come gestire agevolmente alcune blacklist sul proprio hotspot

Continuando a fare delle prove con i miei hotspot pi-star, realizzati su Raspberry Pi di varie versioni, nei giorni scorsi io e alcuni Radioamatori sperimentatori ci chiedevamo se era possibile filtrare sul proprio hotspot pi-star casalingo i TG o degli ID DMR, provenienti da alcuni disturbatori presenti in varie zone d’Italia. 

24Ago/22

BrandMeister – prontuario degli SMS per vari servizi radioamatoriali

Si avvisano tutti i Radioamatori che utilizzano la rete radio DMR Brandmeister, che da qualche tempo sono disponibili diversi servizi ad hoc per poter inviare facilmente degli SMS ed utilizzare diversi servizi radioamatoriali.
Si prega di leggere il seguito di questo articolo per conoscere il corretto impiego di questi servizi resi disponibili da diversi gruppi BM europei.

13Lug/22

Creare un codeplug automatizzato per la radio digitali dal sito di Andrea IZ3WNH

Durante le ferie, e dopo averne già scritto nel 2021 in questo mio precedente articolo, ritorno a scrivere sull’argomento, dato che sono molti i Radioamatori che mi chiedono continuamente di fornire vari codeplug per i diversi modelli di radio digitali.
Sono orgoglioso di aver iniziato a collaborare assieme con questo gruppo di Radioamatori, che si danno da fare per aiutare gli altri OM a realizzare in modo semplice cose altrimenti un po’ più complesse.

Sistemi radio digitali Multiprotocollo e l’obbligo della registrazione DSTAR

In questi ultimi anni, è capitato di notare (purtroppo anche sui sistemi radio digitali multiprotocollo attivi nella mia Regione FVG…) che diversi Radioamatori non seguano le indicazioni per utilizzare correttamente i sistemi radio, quando utilizzano i vari TG / Room Multiprotocollo digitale.

In questo articolo vi informo delle novità che trovate disponibili sul sito del GRF, con cui collaboro attivamente.
Sul Reflector XLX039 del GRF sono stati attivati gli Smart Group,  per poter collegare direttamente il modulo B (Nazionale) ed i moduli multiprotocollo dalla lettera G alla Z (Regionali), tramite gli hotspot o ponti ripetitori che non hanno nominativo ufficiale (del tipo IRxxxx) e che non sono quindi registrabili sulla rete IRCDDB.
Gli Smart Group (che non sono una novità ma un’implementazione di OpenQuadNet, da alcuni anni) hanno la particolarità di funzionare senza la necessità di agire sulle configurazioni delle NAT (porta 40000). Questa soluzione è molto comoda per i sistemi che sono collegati ad esempio su rete 4G/5G. Funzionano anche sui sistemi che sono bloccati su determinati Reflector (per una decisione del Sysop), ovviamente previa una opportuna configurazione.

Tutte le informazioni di dettaglio sono presenti nell’articolo originale, che potete leggere cliccando sull’immagine sotto riportata.

 

Smart Groups DSTAR sul reflector XLX039