da Wikipedia: Informatica forense

L’informatica forense (Computer Forensics) è la scienza che studia l’individuazione, la conservazione, la protezione, l’estrazione, la documentazione e ogni altra forma di trattamento del dato informatico per essere valutato in un processo giuridico e studia, ai fini probatori, le tecniche e gli strumenti per l’esame metodologico dei sistemi informatici. Si tratta di una disciplina di recente formazione, che spesso viene erroneamente identificata come una nuova “branca” della computer security. In realtà oggi, con l’aumento dei crimini informatici, e, specialmente, con una ripresa di coscienza da parte delle aziende che hanno finalmente cominciato a denunciare i crimini di cui sono vittime, si rende necessaria una applicazione integrale di questa disciplina, che sembra tuttavia non scevra di evoluzioni.

Nell’ambito dell’informatica forense, assume notevole importanza l’assicurare che i dati non vengano alterati, né durante la fase di acquisizione, né durante i passaggi successivi. Vengono quindi utilizzate determinate metodologie operative al momento del sequestro, o dopo lo stesso, dei sistemi informatici, e algoritmi di hash come MD5 e SHA1 per generare chiavi di identificazione di ciascun file e quindi permettendo di verificarne l’integrità in qualsiasi momento successivo all’acquisizione.

computerforensicsEcco un interessante presentazione di Computer Forensics fatta da Denis Frati durante il Linux Day del 2008 a Modena. La presentazione di nostro interesse è  di sole 19 slides, ma anche gli altri lavori li ritengo interessanti e vi consiglio di darci un’occhiata.

Tutte le varie presentazioni sono disponibili presso il suo blog, a questo indirizzo.

Riguardo a: paolettopn

Anticonformista, sempre_quarantenne, nato sotto il segno dell'acquario, appassionato di informatica ed elettronica sin dalla tenera età, usa software linux, open-source e oggi si diverte e lavora con le telecomunicazioni l'elettronica e l'informatica. Il resto delle informazioni lo potete trovare sul wiki della Comunità italiana di Ubuntu-it. Ciao, a presto.

Lasciate un vostro commento a questo post