Curiosando nella rete in cerca di qualcosa di nuovo ed interessante da sperimentare, mi sono fermato a leggere un post sul sito dell’amico chimeraevo.

E’ da parecchio tempo che attendiamo di veder sbarcare un po’ di LibreOffice su Android, e proprio negli ultimi giorni sul wiki della The Document Foundation è comparsa qualche informazione relativa a Impress Remote. Grazie a questa app è possibile connettersi via Bluetooth o Wifi ad un PC desktop (o ad un server) e trasformare il nostro smartphone, come suggerisce il nome, in un dispositivo di controllo remoto,  una sorta di telecomando con cui gestire una presentazione di Impress scegliendo le diapositive da mostrare sullo schermo.

Andate a dare un’occhiata a cosa può fare quest’app rivoluzionaria, continuando a leggere il post originale.

La data di arrivo della versione stabile non è nota, ma probabilmente Impress Remote debutterà nei prossimi mesi, visto che necessita di LibreOffice 4.0 e successivi per funzionare (le versioni precedenti non includono il codice necessario): per ora l’obiettivo è sbarcare su Android, in futuro probabilmente anche su iOS, ed entrambe le versioni saranno quasi certamente gratuite.

Nota: Esiste già nel Play Store un’altra app chiamata Impress Remote in vendita dal 2012 a 0.69€ ma non c’entra nulla con questa, e a giudicare del numero bassissimo di installazioni (meno di 50) sembra non essere così affidabile e degna di essere acquistata.

Non ci sono invece al momento notizie certe riguardo il porting di LibreOffice per Android, che evidentemente sta molto più a cuore agli utenti della suite e che richiederà sicuramente molto più tempo: la data indicativa offerta dalla The Document Foundation è fine 2013.

Riguardo a: paolettopn

Anticonformista, sempre_quarantenne, nato sotto il segno dell'acquario, appassionato di informatica ed elettronica sin dalla tenera età, usa software linux, open-source e oggi si diverte e lavora con le telecomunicazioni l'elettronica e l'informatica. Il resto delle informazioni lo potete trovare sul wiki della Comunità italiana di Ubuntu-it. Ciao, a presto.

Lasciate un vostro commento a questo post