Dopo due giorni intensi alla Fiera del Radioamatore2 di Pordenone, ci vorrebbe una settimana di riposo. Invece no, non ancora… 🙂

Durante questi due giorni passati assieme a tanti amici allo stand dell’Associazione PN LUG, al padiglione 5, abbiamo ricevuto la visita e sono stato contattato da tanti amici Radioamatori che sono intenzionati a provare ad utilizzare le radio SDR.  Essendo anch’io un radioamatore con licenza italiana (IV3BVK) e USA (K1BVK), ho risposto a tutti gli interessati che mi stavo già divertendo ad utilizzare un semplice e piccolo decodificatore USB, ma utilizzando solo software libero, Linux.

SDR-Dvb-tSto parlando del decoder USB2 DVB-T RTL820T, una semplice chiavetta venduta per la ricezione dei canali televisivi liberi del Digitale Terrestre.

Il dongle USB DVBT R820T riceve da 24 a 1760 MHz (ma riduce le sue prestazioni attorno ai 1500 MHz). Il ricevitore R820T usa una frequenza intermedia a 3.57 MHz (IF). L’errore di ricezione è circa di ~30 +-20 PPM, diventando relativamente stabile quando si scalda, e stabile dopo diversi giorni di funzionamento ininterrotto. L’ingresso d’antenna è di 75 Ohm d’impedenza.

Il range dinamico è attorno ai 45 dB. Il miglior sample rate ottenuto è di 2.56 MS/s ma in alcune situazioni si è superato il valore di 3.2 MS/s lavorando senza USB dropping samples (l’ RTL2832U può fare drop internamente). Per il trasferimento dati è necessaria una connessione tipo USB2, in quanto la connessione di versione 1.1 non funziona.
Da misurazioni effettuate, il device R820T consuma ~300mA con 5V di alimentazione via USB. Tagliando la connessione del LED, il consumo si riduce del ~10%.

Pensando di fare cosa gradita, avevo da parte diversi articoli sulle mie prove, effettuate sul noto sistema operativo Linux Ubuntu (io uso attualemente la versione14.04 LTS). È risaputo che io uso solo sistemi open source da molto tempo, con profitto.
In breve tempo e nel tempo rimasto libero, ho messo giù alcuni articoli sui miei test effettuati con questo ricevitore, prove realizzate per decodificare segnali aerei, navali, radioamatoriali e anche televisivi (vedere la TV sul portatile o ascoltare la radio… a volte è pure utile).

Questo pannello comandi è quello dell’applicazione Gqrx, un ricevitore Software Defined Radio realizzato con un framework GNU Radio SDR  e una piattaforma grafica realizzata con Qt .

Rtl-sdr-gqrx

Qui sopra vedete indicata la ricezione di prova della frequenza di una radio broadcasting sui 94,000 MHz, in FM Stereo.

Per usare il decoder SDR Perseus, i sistemi operativi Linux utilizzano LinRad, oppure seguire le informazioni descritte sul sito di montefusco.com .

Assieme agli amici dell’Associazione PN LUG abbiamo creato diverse pagine che descrivono vari altri progetti associativi sul nostro wiki.
Invito tutti gli amici sperimentatori, radioamatori e non a visitare queste pagine, all’indirizzo wiki.pnlug.it

Lasciate un vostro commento a questo post