Confrontandomi con diversi amici grafici e fotografi (professionisti e non…) sono riuscito a comprendere in modo approfondito quanto sia importante la configurazione corretta dei propri strumenti PRIMA di iniziare a produrre le fotografie e la grafica in genere.

La maggior parte delle persone con cui ho parlato utilizza computer Mac e software proprietario Adobe, ma ho desiderato affrontare questo argomento anche per iniziare a lavorare bene con linux e il software libero.
Infatti anche per chi utilizza la mia soluzione hardware e software esiste un modo per ottimizzare al meglio i propri software di editing per le foto e la grafica.  

In questo post desidero parlarvi del profilo ICC, ovvero uno standard  con il quale viene definito il modo in cui i colori sono rappresentati numericamente in un determinato spazio dei colori stessi. In particolare, i profili ICC sono comunemente usati per indicare numericamente il modo in cui i colori vengono rappresentati nei dispositivi informatici di input/output per visualizzare le immagini quali fotocamere digitali, scanner, stampanti, monitor e display.

Utilizzando linux Ubuntu ver. 16.04 LTS, mi è stato sufficiente installare sul PC il pacchetto icc-profiles in aggiunta a quello esistente icc-profiles-free.
In questo modo ho aggiunto delle configurazioni ICC in più al mio S.O., che mi permetterà di utilizzare al meglio le diverse periferiche connesse, tra le quali anche il monitor del PC.

La gestione del colore permette di effettuare l’esatta conversione del colore attraverso la rappresentazione corretta nelle interfacce di lettura / scrittura e del loro spazio colore. I profili ICC sono una parte importante della gestione del colore.
In questi file viene scritta la corretta mappatura del colore di ingresso / uscita e dello spazio colore dell’hardware, soprattutto per particolari interfacce hardware che utilizzano il profile connection space (PCS) in accordo con gli standard emessi dal International Color Consortium (ICC).
Il pacchetto icc-profiles contiene un certo numero di profili colore ICC di alta qualità, per poter essere utilizzati da diversi software, tra i quali troviamo Scribus, Gimp, CinePaint, Krita, o Digikam.

A questo punto non mi resta che augurarvi una buona configurazione dei vostri profili colore.

Lasciate un vostro commento a questo post